Homemade Lemonsoda: una bibita fané

lemonsoda

Per gli intimi lemünina. Infatti si vocifera che questa ricetta – passata alla storia con tale ridicolo nome – fosse una delle tante gelosamente custodite della mia bisnonna, che le aveva ereditate dalla madre, mia trisavola. Ancora oggi alcune mie prozie si rinfrescano, dalla calura estiva, con siffatta e rara delizia.

Rara perchè – al di là delle prozie –  non mi è mai stata offerta una limonata casalinga in nessun garden party a cui ho partecipato (vojo dì: ma siamo Csabe o no?). E sarebbe stato bello, invece.

Delizia perchè per quanto ami poco le bevande gassate (niente di ideologico o eccessivamente salutista, solo gusto personale) ho sempre avuto un debole per la Lemonsoda. Al bar era mia abitudine ordinarla doppia, in calice da birra, con parecchio ghiaccio grossolanamente tritato e con una fettina di limone fresco.

Questa è la versione casalinga della nota bevanda, praticamente identica nel sapore, ma sicuramente più salutare. Tuttavia è giusto ricordare che anche se una cosa è fatta in casa, non vuol dire che se ne possa abusare. Questo sciroppo (sebbene diluito) contiene una generosa quantità di zucchero,  se non siete degli atleti o dei bimbi in etereno movimento, è bene ricordaselo.

Ricetta

ingredienti

  • Limoni BIO non trattati, 1 Kg
  • Zucchero, 600 gr
  • Zeste di due limoni

Spremete tutti i limoni e prelevate con la mandolina delle piccole listarelle dalla buccia di due frutti (ben lavati). Versate tutto in un pentolino e aggiungete lo zucchero, mescolate e mettete su fiamma moderatissima. Mescolate sempre fino a quando non vedete che lo zucchero si scioglie.

Attendete che lo sciroppo arrivi a lieve bollore e che si formi una patina bianca sopra di esso. Fate sobbollire ancora pochi minuti e poi spegnete. Lasciate raffreddare e filtrate. Imbottigliate e conservate in frigo.

Diluire due dita di sciroppo in un bicchiere grande con acqua minerale gassata fredda.

 

 


13 Comments

  1. Buona!
    Oggi è una giornata aspra per noi due?
    Io lemon curd tu limonata? :-)

  2. caspita, ma quante ricette mi sono persa???mi ero fermata al curd di lamponi! Mea culpa e ho già rimediato (confesso che l’immagine della torta al tartufo proprio non se na va dalla mia testa….)!
    Quanto si conserva questo sciroppo??

  3. paprika: acida direi :)
    caris: la torta tartufo è superlativa, poca però. Lo sciroppo non ho idea di quanto si conservi, a casa mia dura 2 settimane se va bene. Ma credo che un mese in frigo ci stia tranquillamente

  4. fané come immagine :-) ma assolutamente fresca e dissetante nelle calde giornate estive !! anche con qualche fogliolina di verbena !

  5. un bel bicchiere fresco di lemunina, sicuramente calorico ma senza gas! :)

  6. una vera meraviglia dissetante! complimenti, un bacio :)

  7. anch’io cerco di rifare tutto in modo + genuino e la tua idea mi entusiasma!

  8. Carola: o Melissa :)
    Giò: con gas io assolutamente!
    Claudia Annie: grazie :)
    Valentina: :)

  9. Ho ricevuto in regalo degli splendidi limoni biologici, un pò li farò confit ed il resto lo trasformerò in “lemonsoda”, grazie della ricetta.

  10. Piu’ che un commento è una domanda: il succo di limone ottenuto dalla spremitura per quanto tempo si può conservare nel frigor? Oppure è possibile congelarlo per conservarlo a lungo tempo?

  11. Lucio onestamente non l’ho mai fatto per cui ti rispondo un pò a naso: credo che il congelamento sia il sistema migliore..in frigo i succhi e le spremute non si conservano molto a lungo…poi devi pastorizzare il contenuto e contenitore…io proverei con il congelamento

  12. Ciao Sara, anche le mie nonne e zie, quando ero piccola (ho qualche anno più di te), preparavano la limonata, d’estate, con un procedimento leggermente diverso, ma penso risultati identici o almeno molto simili. Oggi, a distanza di anni, in famiglia abbiamo riesumato la ricetta, e d’estate succhi e bibite gasate non entrano più in casa. Non per principio: abbiamo ormai una dipendenza dalla limonata, dissetantissima e anche cibo della memoria! Qualche foglia di verbena anch’io ce la metto, quando c’è. Blog interessantissimo, subito tra i preferiti!

  13. Grazie Anto per il tuo racconto. A presto.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS

Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi