I Burger buns più buoni del mondo

BURGER BUNSdefinitivo (1 of 1)Ohhh…oggi ricetta con riflessione, perché tra poco è primavera, o no?

Benché ne dubitiate, molti negozi ce lo stanno facendo credere. Ho già intravisto le nuove collezioni primavera-estate.

La mia consolidata abitudine in questa stagione è fare lo spoglio guardaroba per poi fiondarmi in qualche outlet a fare man bassa di cose inutili e leziosette (in uno stile a metà strada tra la garçonne e la baiadera), pensado alla spiaggia, alle gite, alle colazioni sull’erba.

Ma, per chi è già pigro di natura come me, devastanti sono luoghi di perdizioni come questo qui www.zalando.it . Non devi nemmeno toglierti il pigiama e sei già in negozio. Entri, metti un po’ di roba nella wishlist, ci pensi su qualche giorno, torni, fai mente locale  – e una breve cernita – eliminando le cose non metterai mai (esempio se ti lasci ingolosire da una cosa così rischi poi che le caprette ti facciano ciao!) o quelle che per trascorsi limiti d’età, o decenza, non puoi più indossare. Nell’arco di pochi giorni hai tutto nell’armadio, nella speranza che il sole ricompaia velocemente all’orizzonte, giacché è giusto che se una compra una cosa possa usarla subito.

La premessa è data dal fatto che non più tardi di un mese o due, smaltiti cenoni e panettoni, molte di noi dovranno pensare a rientrare nella taglia dell’estate precedente. Lo so, è un brutto argomento. Qui dovrebbe solo passare golosità e gaiezza, ma diciamo che io, in fatto di linea, almeno al minimo sindacale, ci tengo. Certo poi conciliare la linea con un blog di food non è sempre facile…blablabla…

In questo delirio dietetico salutistico che mi piglia circa due volte l’anno, ho conivolto anche il marito. Non ha opposto grande resistenza, si rende conto che passare in due anni da una taglia a una superiore non è né sano né bello.Il punto però è il controllo. La sera so quello che gli metto nel piatto, ma a mezzodì chi sa quello che mangia. Certo, lui mi dice radicchio col limone,  ma io so che il piatto forte del bistrot che frequenta sono gli ossobuchi e i cotechini.

Per rendere quindi la faccenda più creativa e invitante mi sono lanciata nella ricerca di ricette appetitose e box divertenti. Devo dire che mi si è aperto un mondo fatto di schiscette in chiave glamour: si può tentare di mangiare con stile anche sulla scrivania. Io sceglierei questa. Stupenda! Reminiscenze infantili.

Ma torniamo a noi e e quindi alla ricetta di oggi.

Li vedeti i panini qui sotto? Ecco, sono di quel mito di Rossana e sono STRE-PI-TO-SI perchè profumati e morbidissimi. Avete visto l’effetto memory foam della seconda foto qui sotto?

definitivo panini

Ma prima di approdare alla sua ricetta mi ero lasciata ingolosire da ricettine oltreoceano, perchè si sa, questa è roba loro e chi si sognerebbe mai di cercare i burger bun se non in un sito americano?

Me lo sogno io, perchè dopo due ciofeche e una roba così così,  mi sono stufata e ho chiesto ragguagli a Rossana, la quale non ha saputo inidirizzarmi che per il meglio.

La sua ricetta è strepitosa e ha dietro una storia tutta paricolare, ma per non farle un torto sarebbe meglio che questa ve la raccontasse lei (magari sotto, nei commenti).

La ricetta, oltre che qui, la trovate su Gennarino, dove esiste anche una lunga discussione in proposito.

Ho apportato alcune modifiche alla ricetta di Rossana, dopo aver letto tutta la discussione e non senza il suo autorevole benestare.

Invece di mettere sola acqua ho fatto a metà con latte, ho aggiunto i semi di sesamo, ho arrotondato a 100 g lo zucchero, ho spennellato con uova e latte, ho formato i panini di una pezzatura un pò più piccola (100 g.).

Per ritornare al box lunch, questi sono panini perfetti da portarsi in ufficio dato che anche scongelati rimangono morbidi e fragranti. E il companatico? Beh se siete a dieta non c’è, ma vi assicuro che sono buoni anche così.

 

 

BURGER BUNS11 (1 of 1) copia

 

 

 


10 Comments

  1. sono commoventi… Secondo te c’è speranza per chi non ha impastatrice ma sono una doppia frusta a mano con anche in dotazione due ganci per impasti?

  2. Grazie mille per aver provato questa ricetta. Dalle tue mani, questi panini, son venuti fuori piu’ belli che mai!

  3. Hmm… per quanti panini circa queste quantità? E 100 g di zucchero non sono troppi? Voglio dire, non vengono fuori dolcissimissimi?
    Perché hanno un aspetto meraviglioso e mi piacerebbe provare a farli per riempirli a dovere :-)

  4. Pillow puoi farli anche a mano
    Rossana grazie a te :)
    Dulcistella…dunque sono panini da hamburger per cui devono essere un pò dolci (come quelli che trovi da McDonald’s per esempio…anche se questi sono infinitamente più buoni ovviamente) . In realtà non sono affatto dolcissimi. Puoi però calibrarli sul tuo gustoma ti sconsiglio di scendere troppo con lo zucchero max 80 gr perchè rischi che vengano fuori una cosa diversa, insomma dei semplici panini al latte. Con questa quantità ne vengono fuori 12. Li puoi congelare cotti.

  5. ah Dulci..dimenticavo io li ho riempiti con: carne di manzo, provola piccante, cipolle alla piastra, cetrioli, insalata verde, pancetta fritta, pomodori, salsa messicana

  6. ……peeeerò, non temi nulla! :-D io avevo in mente il burger di agnello dell’ultimo libro di Jamie Oliver… ma direi che anche tu non ti sei fatta proprio mancare nulla!

  7. Ciao Sara,grazie della ricetta e complimenti per il blog!
    Ho preparato questi panini dimezzando le dosi, ma lasciando invariati i liquidi per errore (quindi ho lasciato 25o ml totali e ho dovuto aggiungere circa 80 g di farina). li ho apprezzati comunque, erano molto morbidi, ma con un alveolatura un po’ grossa. Tu alla fine quanta farina hai usato? vorrei ripeterli e sto pensando a come aggiustare le dosi! Grazie della cortesia! :)

  8. Ciao Flo, io ho usato esattamente le dosi riportate in ricetta….forse ho aggiunto poca poca acqua in più, ad occhio…ma proprio poca poca :)

  9. Ok, quindi per 810 g sono 250 ml di liquidi totali. L’altra volta avevo letto, anzichè acqua bollente più latte bollente,” 250 ml (50% + 50%)”, “250 ml +250 ml”….mia distrazione. Solo che essendo venuti discreti, credevo che diminuendo i liquidi sarebbero stati panini del tutto diversi.
    E non so dove, se qui o su gennarino, avevo letto di non aggiungere tutta la farina…
    Vabbè, scusa il caos, credo che sperimenterò la tua ricetta e se ti fa piacere, ti aggiornerò con i risultati!
    grazie per il contributo!

  10. si è così…810 + 250 gr di liquidi totali. Si consiglia sempre di non aggiungere tutta la farina ma di farlo poco per volta, le farine non hanno tutte lo stesso grado di assorbimento. Io avevo una pasta molto morbifda ma gestibili. I panini erano superbi, con un’alveolatura fitta e molto regolare ma per nulla grossa.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS



Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi