Yogurt indiano al vapore (Bhupa doi)

 

yogurt indiano

Io vi guardo! Ve li guardo tutti, i vostri blog. Se non tutti, quasi tutti, quelli che mi piacciono, insomma. Ma la a cosa che più mi rammarica è di non lasciare quasi mai un commento. Sono i captcha che mi fanno desistere, i campi da compilare, il messaggio che puntualmente non viene salvato…credetemi! Ma vi penso. Sappiatelo.

Posto l’inutile antefatto, arriviamo alla ricetta di oggi che è breve per sua natura e breve perchè oggi non ho molto da dire. Il mio tempo è ultimamente ormai impiegato nella ricerca dei migliori confettieri della città, del più originale floral designer della zona, di un ristorante che non sia la solita “mangiatoia da ricevimento” e nella ricerca della vera carta di Amalfi. Spero di non dovervi dire altro. ;)

Ricetta brutalmente tirata giù da un blog carinissimo “Il giardino dei ciliegi“. Bé qualche modifica c’è.

Ricetta

ingredienti

(per 4 porzioni in vasetto)

  • Latte condensato, 170 gr
  • Yogurt greco colato,   170 gr
  • Mandorle a filetti, 1 cucchiaio
  • Uva passa ammollata, un cucchiaino colmo
  • Cardamomo in polvere, q.b
  • Lamponi e mirtilli * poco zucchero

Mischiate gli ingredienti e versate il composto in vasetti di vetro. Collocate i vasetti su una pirofila da forno che riempirete per metà con acqua calda.

Infornate a forno già caldo a 150°C e fate cuocere a bagnomaria per 40-50 minuti.

Servite freddi con granita di fragola o come ho fatto io con frullato di lamponi e mirtili freschi.

Nota: Twostella allega alla ricetta l’articolo originale che la riporta. Secondo lo chef, questo dolce si sposa magnificamente anche con il caffè, decaffeinato dice lui, ma io, che la caffeina me la inietterei anche endovena, dico altrimenti).
Ah, questo dessert è buonissimo e con una consistenza quasi extraterreste…

 

yogurt


10 Comments

  1. Io ho tolto il captcha e allora ricevo messaggi spam…quindi
    qualcosa serve..
    Invitanti questi yogurt!

  2. anche a me capita di non poter commentare dove mi pare. Ho notato (e magari è un caso) che con Chrome va meglio. Con il Mac invece è quasi impossibile. Ma anche io ti penso. E ti trovo molto brava (lo sai!)

  3. Davvero meravigliosi questi bicchierini!… la consistenza extraterrestre mi ha proprio convinta! :)
    …e pazienza se non riesci a commentare, hai ben altro a cui pensare, mi sembra di capire… mi sono persa qualcosa??

    un abbraccio.

  4. ?????? Confettieri? Floral designer? Carta Amalfi )che io avevo e ho comprato in Campania)?????Faccio finta di non aver compreso perchè è chiaro che non posso accontentarmi di questi pochi particolari!!! :D
    Non lo conoscevo quel blog..molto carino! ora me lo guardo!!!
    Ma lo yoigurt greco colato è diverso dal solito yogurt greco???

  5. siamo in sintonia indiana e mi prendo subito la tua ricetta perchè i dessert allo yogurt mi attraggono particolarmente specie d’estate……e io guardo già in là ^______^ ciauzzzz

  6. meraviglioso questo dessert! e hai perfettamente ragione sui codici, io li ho tolti subito ma ce ne sono molti in giro

  7. bellissimo tutto….ma soprattutto…CONGRATULAZIONI!!! :)

  8. questa è telepatia… io sono sul tuo blog e tu sul mio… figooo :)

  9. paprika: io no, WP ha un sistema di intercettazione dello spam :)
    Daniela: grazie ….: comunque io noto che ho invece problemi con il browser…Opera è uno schifo!
    Lizzy: hanno una consistenza densissima e quasi asciutta
    Caris…no lo yogurt greco non è diverso da quello colato…diciamo che la diciutura completa è yogurt greco colato
    Ciao Astro!
    Valentina: grazie
    lauretta: grazie ;)
    Lilla: telepatia pura :)

  10. Da lasciarci il cuore e l’anima, tutto quello che contiene yogurt per me è pura estasi, ciao.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS

Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi