Posts made in agosto, 2011

Melon curd

Mi pare di capire che il curd si può fare più o meno con tutto o quasi. E lo dico da profana, poichè non solo non l’avevo mai fatto, ma non lo avevo nemmeno mai assaggiato prima di questo esperimento. Che vergogna!

 

Leggi il resto del post...

Guacamole in veste piccante

guacamole Stufe della solita salsa? Donne, è arrivato l’avocado, un frutto che io fatico ancora a far rientrare nel novero della frutta. Ma data la mia recente trasferta andalusa, ho avuto modo di apprezzarne le sigolari qualità – morbidezza e burrosità specialmente ma anche il vago gusto di noce – visto che la regione è immersa in coltivazioni di avocato  - oltre che di mango, papaya e maracuja –  e pure della qualità “giusta” per realizzare la famosa salsa guacamole, ovvero il tipo che dà frutti piccoli e neri.

Leggi il resto del post...

Tante anugurie a tutti! A presto…

Sara Melocchi, Anguria 2007, olio su tela, 150cm x80cm, collezione privata

Sono in procinto di chiudere baracca e burattini. Sabato sarò ufficialmente in vacanza e già in un luogo ameno. Il blog riapre tra qualche settimana,  ma auguro a tutti gli amici e ai passanti, più o meno occasionali, una deliziosa estate.

Leggi il resto del post...

Un piatto raro: gli spaghetti con gli occhipinti

spaghetti sugo Mio malgrado frequento poco i mercati, sebbene sia uno degli itinerari cittadini, per me, più stimolanti. E ad ogni latitudine. Ho visitato mercati arabi, orientali, indiani, inglesi, francesi, delle pulci, del vintage, dei fiori, dei Profumi di Provenza, del brocantage…e ho trovato sempre oggetti rari, curiosi, di cui ho riepito casa. Tra questi una collezione (ancora in corso) di vetri color ambra, di macchine fotografiche d’epoca, di posate in peltro, di forme per calzolai e lettere in formato gigante. L’altro giorno ero al mercato vicino a Via Pestalozzi (a Milano), e che trovo? Gli occhipinti. Una vera rarità da queste parti.

Leggi il resto del post...

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS

Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi