Posts made in gennaio, 2011

Spaghetti alla (finta) carbonara

finta carbonara

Guardando molto poco la televisione rimango davvero sbalordita di fronte a certi “fenomeni”. E ultimamente ce ne sono veramente di tutti i tipi. Ma fermiamoci al gastronomico. Chi possiede un abbonamento a Sky, saprà che esistono diversi canali tematici, tra cui anche quelli di stampo prettamente culinario. A parte Peccati di gola, con un efficiente quanto bravo Montersino, che dice sempre e solo quello che basta, esistono anche una serie di personaggi curiosi, cuochi, pare, che però più che cucinare scemeggiano. Davvero irritanti.

Leggi il resto del post...

La torta di mele della suocera

torta

Che poi è sempre la nonna.

Non amo particolarmente le torte di mele fatta eccezione per lo strudel e l’apple pie. Quelle solite, strato di torta simil-paradiso sotto e coroncina di mele sopra, proprio no. Hanno sempre fatto una brutta fine dalle mie parti: mangiavo le mele a coronamento e l’insulsa base rimaneva sbriciolata nel piatto. Questa torta invece ha un vantaggio, le mele, a quadrettoni, sono dentro, per cui, la paradiso, che per sua natura è abbastanza stopposa, viene graziata da gran tocchi di mela che la rendono umida e saporita.

Leggi il resto del post...

La degustazione del vino, un’arte che si può imparare

Tornata dal periodo natalizio ho voglia di partire daccapo, di rivolgermi a chi, per la prima volta, si avvicina con circospezione al mondo del vino. A me è capitato così, qualche anno fa. Dopo una breve vacanza nella quale avevo sperimentato la piacevolezza del buon bere, ero tornata con la curiosità di saperne di più, soprattutto sulle caratteristiche organolettiche del vino. Profumi, aromi, bouquet: una miriade di domande si affollavano alla mia mente. Così se anche voi, dopo aver provato qualche buon nettare di Bacco siete rimasti incuriositi da questo mondo, perchè non provate a seguire qualche breve consiglio? Niente di difficile, per carità.

Prendetelo come un gioco da fare in famiglia o con gli amici, cercando di capire quanto possa essere affascinante analizzare le caratteristiche organolettiche di un vino. Primo consiglio: prendetevi del tempo. Il vino è un piacere che va assaporato goccia a goccia. Quelli che lo buttano giù come fosse acqua fresca, potrebbero bere qualunque cosa, anche del Sanitrit! Per il vino ci vuole tempo e rispetto: guardatelo, annusatelo ed assaporatene ogni momento. Se poi vorrete cimentarvi in qualcosa di serio e di molto tecnico sarà il caso di scegliete un corso che sappia darvi una preparazione più approfondita. Io consiglio l’Ais, l’Associazione Italiana Sommelier, ma ad onor del vero esistono altri validi gruppi, come l’Onav o la Fisar.

Leggi il resto del post...

Crostata al cacao con fragole e crema di zenzero

Qualcuno mi deve spiegare perché le fragole fuori stagione (non ho nessuna scusante, sono colpevole di affronto al km 0) sono più buone di quelle che acquisto in stagione.

 

Oramai la spesa con mio figlio treenne è qualcosa di surreale: lui fa la spesa e io pago. Poi tornati a casa io cucino cercando di tirare fuori un pasto sensato da una spesa fatta prevalentemente di caramelle a forma di coccodrillo, pop corn, Coca Cola, Actimel alla fragola, qualsiasi cosa che abbia un packaging tanto colorato quanto pacchiano, anche se non propriamente commestibile, e fragole, tante fragole…qualsiasi sia la stagione. Le strategie di marketing sono poi fetentissime: le cose più inutili o più care vengono poste ad altezza bimbo. L’innocente intanto non sa che stà a piglià. E nel giro di pochi attimi il pargolo, in tutta autonomia, rende il carrello una graziosissima  serra di rossi frutti.

Leggi il resto del post...

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS

Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi