Posts made in novembre, 2010

Uova in cocotte e cavoletti (con Piave o Sbrinz)

uova cocotte

Con mia somma sopresa noto che uno dei miei alimenti preferiti (vedi foto) non è ancora comparso in menù. Nulla mi impedirà mai di fare incetta di uova anche in barba al buon senso medico che ne prescrive due alla settimana (scusate, ma chi segue veramente il diktat salutistico?)

 

Tuttavia la sua cattiva fama travalica la prassi medica e penetra in qualla linguistica con significati non sempre lusinghieri: camminare sulle uova, fare una frittata, cercare il pelo nell’uovo, essere pieno come un uovo, rigirare la frittata, rompere le uova nel paniere (a qualcuno). [fonte wikiquote]. Invece proporrei un’ ovazione all’uovo, una sua glorificazione, tanto è buono così, quanto indispensabile per la realizzazione di torte dolci e salate, paste caserecce, creme pasticcere e non e  ripieni di carne (più altra roba che al momento mi sfugge).  Insomma un alimento che è spesso un comprimario, anche quando accostato al tartufo, ma che meriterebbe tutt’altra attenzione.

 

Leggi il resto del post...

Una vecchia trattoria, gli gnocchi di zucca e Cavallaro

gnocchi zucca e gorgonzola

L’altro ieri, il giorno del mio …esimo compleanno, il mio terzo mi propone di uscire a mangiare. Qualche anno fa ci eravamo imbattuti in una bella trattoria, nemmeno troppo alla buona, con un menù  composto da specialità locali (siamo in Lomellina), “creativamente” riviste e molto ben eseguite, con una selezione di formaggi interessantissima, oltre ad un’ottima cantina (il posto nasceva, mi pare, come enoteca). In tal locale si organizzavano anche eventi gastronomici di un certo interesse: tavole rotonde del tipo “Facciamo il punto sul salame di Varzi“, serate storico-gastronomiche sulle grasse abitudini alimentari di Lodovico il Moro o presentazione di libri dell’ultimo enoantropologo.

Leggi il resto del post...

…ve la racconto io, l’Asta del tartufo (seconda parte)

Castello asta del tartufo

Eccomi a voi con la seconda parte del mio week end nelle Langhe.

14 novembre 2010, Asta del tartufo. Il castello: l’evento tanto atteso si svolge, dal 1999, nel bel castello di Grinzane Cavour, quello stesso che un tempo fu del Conte Camillo Benso, protagonista indiscusso dell’Unità d’Italia. Molti non sanno che il Conte non solo fu un importante produttore di vino, ma diede un sostanziale apporto alla tecnica vitivinicola del tempo migliorandone la qualità produttiva. All’interno del castello è presente un museo etnografico delle Langhe nel quale si possono vedere sia preziosi oggetti appartenuti al Conte, che allestimenti inerenti la vita locale, dal ’600 in poi. Io e il mio compagno c’eravamo stati molti anni prima, io ancora studentessa. Quello era il periodo in cui lo obbligavo a fare il “tour risorgimentale”, passando per castelli, campi di battaglia ed ossari di guerra, ripercorrendo passo, passo i fatti salienti della nostra storia ottocentesca. Sì, sì, lo so, qualunque altro uomo sarebbe fuggito da quei sentieri storico-paranoico-mentali, ma sarà proprio per questo, per la pazienza di Socrate che lui ha, che stiamo assieme da oltre 15 anni. Voi che dite? Ma torniamo a noi. Devo ammettere che quando ho rivisto il castello di Grinzane Cavour ho avuto un tuffo al cuore perché, in vero stile amarcord, mi sono venute in mente le sue parole: “Un giorno ci entrerai come giornalista”. E così è stato.

Nulla al caso: la macchina organizzativa che sta dietro all’Asta è qualcosa di incredibile, tutto è stato curato nei minimi dettagli. Parcheggi accessibili, navette sempre disponibili per raggiungere il castello ed ombrelli forniti dallo staff per evitare che “le belle pettinature delle signore” (come avrebbe detto una giornalista de “La vita in diretta”!) si rovinassero sotto una fastidiosa pioggerellina autunnale che, per fortuna, si è fatta sentire per poco tempo.

Leggi il resto del post...

Muffin ai mirtilli e limone

muffin gonfi

Certo che per il mio compleanno avrei potuto pensare a qualcosa di più decente, tanto più che stiamo parlando di quaranta. Ma non starò qui ad angustiarvi con frasi melense e fintamente moraleggianti circa il tempo che passa e a raccontarvi l’inesorabile declino verso viali e controviali del tramonto. Io non ho il senso del tempo, non mi sento un’età specifica e la penso esattamente come Einstein: non penso mai al futuro, arriva così presto!

Quindi oggi passo al muffin-post del lunedì che è diventato quello del martedì o del mercoledì. A seconda. Invece il punto interessante sembra essere un altro, ovvero che i muffin contravvengono alle leggi gastronomiche ma si adattano meglio a quelle matematiche: invertendo l’ordine degli addendi il risultato non cambia (cioè, a me non pare che mischiando prima solo i secchi e poi gli umidi cambi qualcosa, ecco) invece sostituiendo gli addendi il risultato muta.

 

Leggi il resto del post...

Semifreddo alla zucca

parfait zucca

Questo week-end oltre a vagare per librerie e scoprire che chi sistema gli scaffali non è un biblioteconomo ma Totti (chi è l’originale che mette L’interpretazione dei sogni nel reparto esoterismo?), ho elaborato un semifreddo alla zucca. A me è piaciuto a mio marito anche, tento anche con voi.

 

Leggi il resto del post...

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS



Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi