Posts made in agosto, 2010

Cui prodest? Vini del territorio, vini da capitolato

Cui prodest, a chi giova? Questa è la domanda che spesso mi pongo. Eh sì l’ammetto, sono una di quelle persone che cerca le verità nascoste, che si pone delle domande, che ama indagare, che non si accontenta delle versioni ufficiali. Avevo già capito che nel mare magnum di guide per ristoranti, vini e quant’altro ci fosse un mondo nascosto…no, non ho scoperto chi ha ucciso J.F.K., né tantomeno le verità sul 2012 … diciamo che in una serata, grazie ad uno stimato enologo AIS, ho capito come nascono, oggi, certe guide. Interessa? Leggete qui.

 

Leggi il resto del post...

La torta Bertolina e i suoi misteri

torta bertolina

A casa mia girava una storiella legata a questa torta, decisamente no frills e tipica del cremasco. In quel di Trescore – paese natio di mia mamma – pare che questo dolce fosse stato inventato da due arcigne sorelle, tali benedète. Queste “streghe”, oramai rassegnate allo stato di signorine – condizione decismanete ignominiosa per l’epoca – sbarcavano più che dignitosamente il lunario grazie alla loro nota parsimonia e a una panetteria, dove si trovava anche qualche dolcetto rustico di tradizione casalinga. Tra le glorie dello spaccio spiccava la Bertolina (qui altrimenti detta Bertoldina o Bertòlda) la cui ricetta – che tenevano ben stretta, al pari della loro virtù – faceva gola a molti.

Leggi il resto del post...

Orecchiette in insalata

Che vuol dire? Vuol dire che prima si fa un’insalata e poi ci si tuffano le orecchiette, condendo il tutto con abbondante olio extravergine d’oliva  - il più buono che potete trovare – e cacioricotta fresco da grattugiare. Girate energicamente e a lungo e impiattate. Fresche, estive, velocissime e buonissime!

 

Le assaggiai parecchi anni fa in un noto ristorante pugliese a Milano. Il simpatico maître di sala – beh, sto un pò infiocchettando la cosa, in realtà è un posto piuttosto rustico nonostante le…sciccherie di mare e di terra (sic!) – porta in tavola una cofana di orecchiette, la grattugia, il formaggio in una mano, la bottiglia dell’olio sotto l’ascella e condisce tutto in tavola…poi gli chiesi: “Ma com’è sto nome che avete scelto per questo piatto…voglio dire, perchè minchiate?”. Ecco, fatevelo dire da lui, dal momento che la spiegazione me l’ha sussurrata nell’orecchio.

 

Leggi il resto del post...

Ravioli alle cipolle e caprino

Preambolo:  quest’estate sono stata a Gran Canaria, in un residence con cucina. Questo mi  ha permesso di essere molto libera e di non finire quotidianamente nelle trappole per turisti. Vado al Carrefour a fare la spesa. E’ abbastanza confortante trovare la pasta De Matteis e il Grana padano, ma amo molto girare per i supermercati di altre nazioni, si trovano cose incredibili come il colorante per la Paella. Vado al banco frigo perchè qui trovo una roba buonissima: il succo di fruttadellaSolan de Cabras. Nei paraggi trovo anche i ravioli del rubicondo Sig. Rana.

Leggi il resto del post...

Rognone trifolato

E’ uno dei piatti preferiti di mio figlio (3 anni ndr.).
Poi è diventato un piatto molto apprezzato da mio marito. Prima non gli piaceva.

Di cosa si tratta?
Del rognone trifolato (in salsa gremolada). Dico subito che è un piatto “difficile”, che-che se ne dica. Difficile perchè non sono tantissimi i suoi estimatori (io lo trovo un piatto veramente ricercato, invece), perchè il rognone non sempre lo trovi  nel banco frigo del super – ma devi rivolgerti al macellaio-pusher di fiducia – e perché, affinchè venga bene, ci sono un paio di accortezze da non dimenticare.

Leggi il resto del post...

about me

continua a leggermi

Subscribe via RSS



Copyright testi e foto 2012 © Sara Melocchi