shortbread fingers originali

Quelli originali scozzesi sono gli shortbread fingerstutto-burro della Walkers. Chi li conosce alzi la mano.
Io li adoro. Da leccarsi le dita. Mi piacciono anche i biscotti al burro francesi: le palet breton. Ma una cosa ve la devo dire: mangiarne uno è come spalmarsi la cellulite direttamente sulle cosce.
Qualcuno sa dirmi quante calorie hanno? No perché sulla confezione nemmeno l’ombra.
Secondo me i produttori temono un calo delle vendite. In ogni caso con mio marito abbiamo deciso di comprare una station wagon. Quando vado all’estero faccio scorta di questi deliziosi biscotti al burro. L’ultima volta la berlina si è impennata.

 

 

 

Ho anche telefonato all’ufficio vendite di Kraft per sapere se la la Lu (che è Kraft), vende anche da noi un’altra delizia : i Petit Beurre, quelli che assomigliano agli Oro Saiwa ma, a differenza degli Oro Saiwa, hanno un sapore.
Anzi, per dirla tutta, sono esageratamente buoni per essere un prodotto industriale.
E appena li apri capisci improvvisamente che in Italia c’è un monopolio.
Se non fossimo in regime di monopolio queste delizie entrerebbero anche da noi e allora l’insipida casa nella prateria nostrana sarebbe spazzata via dal vento burroso del Nord. :)

 

 

 

Comunque, dato il rapido consumo di tali delizie, che non sta al passo con la frequenza dei miei viaggi oltralpe, ogni tanto i biscottini li faccio da me (benchè in Italia i biscotti scozzesi si trovino con relativa facilità).

 

 

 

Ecco ricetta e foto.
Buo-nis-si-mi.

 

 

 

RICETTA

 

 

 

Ingredienti

 

 

 

    • 450 gr. farina 00

 

 

 

 

 

 

 

 

    • 250 gr. burro morbido a temperatura ambiente

 

 

 

 

 

 

 

 

    • 100 gr. zucchero

 

 

 

 

 

 

 

 

    • 6 gr. sale

 

 

 

 

Montare il burro con lo zucchero e quando è spumoso e gonfio unirlo alla farina a cui avrete aggiunto il sale. Lavorate l’impasto abbastanza velocemente e mettetelo in frigorifero per circa 2 ore.

 

 

 

Trascorso il tempo necessario per far indurire l’impasto, stendetelo si carta forno mantenedo uno spessore di circa 1 cm (io l’ho tenuto spesso anche 1,2 cm). Tagliatelo con con un coltello affilatissimo in modo da creare dei parallelepipedi di circa 6/7 cm X 2 cm e infine realizzate i tipici forellini con i rebbi di una forchetta (io ho usato questa che li ha molto distanti). Rimetteteli in frigorifero per 15′.

 

 

 

Separate un pò i biscotti prima di infornarli poichè in fase di cottura tenderanno a gonfiarsi e cuoceteli a 150-160° per circa 30-35′. I biscotti dovranno rimanere molto chiari e appena sfornati saranno piuttosto morbidi e friabili, tanto da far pensare che non siano ancora ben cotti. Non preoccupatevi perchè diventeranno più consistenti una volta raffreddati. Per questo non toccateli e lasciateli raffreddare sulla teglia prima di mangiarli.

 

 

 

Bando alla falsa modestia: sono usciti semplicemente perfetti!!!

VINO CONSIGLIATO  a cura di GIORDANA TALAMONA

Moscadello di Montalcino vendemmia tardiva doc

 

Biscotti ancora crudi appena tagliati

 

Su questo sito altre ricette dei tipici biscotti scozzesi